Le NON-femministe amiche di Carmen Consoli: la retorica rosa dell”universo femminile’ contro le lotte femministe

Standard

Mi dispiace per i/le fan di Carmen Consoli, ma ecco un esempio di de-politicizzazione, strumentalizzazione e marketing spudorato della violenza sulle donne: il progetto musicale delle Malmaritate, artiste catanesi, sponsorizzato dalla “cantantessa” etnea. Tengono concerti l’8 marzo e hanno fatto uscire il loro album il 25 novembre, parlano di violenza domestica, di “voler dare voce alle donne”. La copertina del cd ritrae una donna velata dagli occhi seducenti prigioniera dietro una grata. Ma attenzione…! In ogni intervista che rilasciano, ci tengono a precisare che “NON è un progetto femminista“, “NON c’è femminismo in questo… ma una grande autostima, reale” (sic), come si legge qui. Ancora, in un articolo sul quotidiano La Sicilia del 26 novembre 2014 la produttrice dell’album, Elena Guerriero, dichiara che il messaggio che vogliono lanciare “NON è femminista” ma: “E’ un viaggio tra i meravigliosi ma anche tortuosi percorsi dell’universo femminile, durante il quale confideranno al pubblico i loro più intimi segreti e sogni“.

4e9ff76a64e1ae0441d040fabba9f5dc

femministe italiane negli anni ’70

 Tutto questo sbracciarsi per dissociarsi dalla parola “femminista” è in effetti coerente – non si sa quanto consapevolmente – con lo sfruttamento in senso consumista-neoliberale di un argomento tanto “di moda”, la violenza sulle donne, e di una data, il 25 novembre, di cui sarebbe bene andarsi a ripassare la storia e il senso. Che iniziative come queste ribaltano del tutto.

Ricordo alle artiste impegnate a viaggiare nell”universo femminile”, che la commemorazione del 25 novembre:

ha avuto origine nel 1980, durante il primo Incontro Internazionale Femminista, celebrato in Colombia, quando la Repubblica Dominicana propose questa data in onore delle tre sorelle dominicane Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, uccise il 25 novembre 1960 in un agguato filo-governativo mentre andavano a trovare i mariti, detenuti politici, in carcere.

Le sorelle Mirabal furono uccise dal servizio di informazione militare perché dissidenti del regime del dittatore Trujillo. Il resto della storia e illuminanti considerazioni qui.

Prima che mi si faccia l’ovvia obiezione: no, non c’è assolutamente nulla di male nel dichiararsi non femministe. Però queste persone scelgono appositamente il 25 novembre e il tema della violenza sulle donne, lo usano per incentrarvi tutto il loro progetto, per scriverci canzoni e vendere dischi. E non è che magari tacciono sul femminismo, che già sarebbe intellettualmente disonesto. No, ci tengono proprio a nominarlo, a chiamarlo in causa, per dissociarsene. Resta il fatto innegabile che il tema del loro progetto è (o era, prima di essere fagocitato da altre forze) una specifica questione femminista, che esiste grazie al femminismo.

goliarda sapienza

Vista questa premessa, cioè l’intenzionale disconoscimento delle lotte femministe, appare altrettanto sospetta la (prevedibile) appropriazione, sempre da parte di questo progetto musicale (come si suol dire “al” femminile), della figura di Goliarda Sapienza la cui scrittura – forse non lo sanno – all’estero è oggetto di convegni internazionali organizzati da studiose femministe e che in Italia e in Sicilia fa tanto colore locale donnesco. Per fortuna ci sono a Catania gruppi femministi come Le Voltapagina che, auto-organizzate e auto-finanziate, hanno contrastato l’assordante silenzio istituzionale del Comune, collocando una targa con il nome di Goliarda Sapienza in una piazzetta del suo quartiere di San Berillo, il 25 novembre. Facendo un’orgogliosa azione di politica FEMMINISTA. Come si legge qui.

 Auto-definirsi è una questione di libertà, ma vuol dire anche dichiarare il proprio posizionamento politico: ovvio che ognuna si definisca come meglio crede. Le Malmaritate non sono femministe. E si vede. La retorica dell’universo femminile, dell’altra metà del cielo, del colore rosa fa parte di discorsi normativi, di dispositivi di potere che servono solo a rafforzare lo status quo.

Malmaritate

immagine tratta da siciliainrosa.it – articolo “Il segreto delle Malmaritate” 10/12/14

A ciò è funzionale anche l’iconografia scelta: l’ennesima, patinata, estetizzazione della vittima, qui pure con tocco orientalista e neocolonialista. Non a caso rilanciata da certo giornalismo rosa (il “magazine delle donne siciliane” Sicilia in rosa) che descrive la figura “misteriosa e intrigante” della copertina delle Malmaritate come:

“donna prigioniera di un destino funesto che nient’altro può fare se non cantare le sue pene”.

Perfetta produzione della “vittimità” – il femminile associato a fatalismo e vittimismo, vittima eterna – una produzione discorsiva della categoria “donna” sulla quale occorre chiedersi: a chi serve? a quali politiche istituzionali è funzionale?

Queste sono le operazioni ideologiche che si fanno con l’istituzionalizzazione e la commercializzazione della violenza sulle donne – operazioni mistificanti, che tante persone, donne e uomini, con buonissime intenzioni, probabilmente non noteranno, distratte dalla “bontà della causa”… Invece queste operazioni (e ce ne sono state tante il 25 novembre) vanno smontate e denunciate.

Sarebbe interessante chiedere alle Malmaritate di cosa hanno paura e che cosa le disturbi tanto nel termine femminista. Forse intendevano dissociarsi dalla visione stereotipata e volutamente distorta che certun* fanno circolare del femminismo (odio per gli uomini, sete di potere di donne rampanti, o isteriche, o brutte e pelose, che non fanno abbastanza sesso…)? Sarebbe cioè, il discorso antifemminista della recente campagna statunitense “womenagaistfeminism“? Forse avevano paura che il loro cd associato a questa brutta parola non vendesse?

Non è dato saperlo, magari incarichiamo Samanta Cristoforetti di chiederglielo, se le dovesse incontrare lassù, nello spazio, nell’“universo femminile”. Quaggiù intanto le lotte femministe vengono delegittimate, le donne muoiono ammazzate e si fa marketing sulla loro pelle.

N.B.: ringrazio per le notizie e lo scambio di idee la giornalista Claudia Campese di Meridionews, “Le Voltapagina” Sara Catania Fichera, Manuela Fisichella e Clotilde Pecora Caruso e il blog incrocidegeneri.

Amanda Palmer e la tetta che scappa

Standard

[originariamente pubblicato su Abbatto i Muri]

Il tempo è adesso: come sovvertire il sessismo dei media con ironia e nudità autodeterminata

images

Per chi non la conosce, Amanda Palmer è una cantante, compositrice e performer americana: “la vera ragazza cattiva che Lady Gaga vorrebbe essere”. Incidentalmente, suo marito è Neil Gaiman, uno dei più apprezzati scrittori inglesi contemporanei.

Il 28 giugno scorso Amanda si è esibita al famoso festival annuale di Glastonbury, in Inghilterra. Viene fotografata mentre canta, con il reggiseno casualmente fuori posto che rivela un seno. Il tabloid inglese Daily Mail pubblica subito uno scoop con la fotografia “osé” titolando con un gioco di parole (“making a boob of herself”) che rimanda all’idea del “fare la figura di una scema” e insieme all’idea di “tetta” erotizzata. Il sottotitolo spiega che una “tetta” le è “scappata dal reggiseno” e l’articolo la descrive come “vittima di un imbarazzante errore nell’abbigliamento”. Senza accennare alla musica dell’artista, il Daily Mail, sfoderando il suo migliore sessismo scandal-voyueuristico, si concentra sulla parte del corpo di Amanda esposta al pubblico ludibrio, con grande godimento, si presuppone, di lettori arrapati. Già che c’è, non tralascia di buttare lì un altro ingrediente piccante: la cantante, udite, udite, è pure bisexual.

amanda-palmer_1  Venerdì scorso, 12 luglio, Amanda Palmer scrive una lettera aperta in riposta al Daily Mail, ma invece di inviarla in forma tradizionale, la scrive in forma di canzone (un valzer!) e la canta, indossando un kimono, durante un concerto alla Roundhouse di Londra. Ma non finisce qui. A metà di questa sua performance, riprendendo l’immagine usata dal tabloid della tetta “che scappa dal reggiseno”, canta ridendo…:

OH NO! sento che adesso tutto il corpo mi sta scappando dal kimono!”

…mentre si toglie il kimono restando completamente nuda davanti alla tastiera. Continua a cantare l’altra metà della canzone così. Il testo della canzone (in basso in italiano) contiene frasi dirette come “massa di deficienti misogini!”, “Daily Mail, fottiti”. Soprattutto è chiaro che Amanda Palmer si sta divertendo un sacco.

E ora la parte seria:

In Italia si discute tanto di immagini sessiste: spesso col presupposto del femminile come significante stabile e la categoria “dignità delle donne” come universale morale imposto da certo donnismo in tailleur. La moglie-madre sobriamente vestita che sorridendo serve a tavola marito e figli del Mulino Bianco non provoca altrettanta indignazione di un corpo seminudo. Ma riflessioni su questo sono già state fatte ampiamente da Un altro genere di comunicazioneAbbatto i Muri e Femminismo a Sud 

In un contesto diverso da quello italiano Palmer segnala una possibile alternativa controculturale: anziché derive autoritarie e censorie o richiami alla “dignità” donnesca, lei, da artista, dà una risposta rivoluzionaria e dissacrante, con la geniale ironia, un po’ da sbruffona, che la contraddistingue e che manca del tutto alle seriose, “eroiche”, e diciamo pure destrorse Femen (che operano a loro volta in contesti molto diversi).

amanda-palmer-3_gigs

Quella di Amanda (viva Amanda!) è una reinvenzione dell’immaginario come pratica femminista. Il che, peraltro, ha del tutto spiazzato il Daily Mail, ora chiuso nel silenzio – questo sì imbarazzante. Così come spiazzerebbe il nostro Libero che lamenta censure sulla “gnocca”.

Amanda Palmer non avrà letto il saggio di Alessandra Gribaldo e Giovanna Zapperi Lo schermo del potere. Femminismo e visualità nell’Italia contemporanea ma mette in pratica divertendosi proprio ciò che sostengono le studiose:

Se il tempo è adesso, non abbiamo bisogno di redenzione per fare posto a un’immagine di donna integra e dignitosa, quanto piuttosto di reinvenzione.

Amanda reinventa. E in Italia ci sarebbe bisogno di più amandismo e meno snoqqismo.

Se non fosse ancora chiaro cosa intenda con amandismo, basta dare un’occhiata alla brillante carriera artistica di antisessismo dissacrante di Palmer: per esempio l’esilarante pezzo The Map of Tasmania (isola australiana la cui forma triangolare ricorda il monte di Venere), che attacca con feroce ironia i tabù sul pube femminile e relativa peluria.

A proposito di peluria, Amanda non si depila.

amanda-palmer-17

L’ultima parola a lei:

(traduzione della lettera al Daily Mail scritta e cantata da Amanda Palmer qualche giorno fa a Londra)

Caro daily mail,

Sono venuta a conoscenza recentemente

Del fatto che la mia esibizione al festival di Glastonbury è stata da voi gentilmente menzionata.

Lì sul palco facevo una serie di cose tra le quali persino cantare canzoni (come di solito si fa…)

Ma questo avete deciso di tralasciarlo e invece avete fatto un servizio speciale sulla mia tetta.

Caro daily mail,

Esiste una cosa che si chiama motore di ricerca: usatelo!

Se aveste cercato prima le mie tette su google, avreste scoperto che le vostre foto non sono certo un’esclusiva.

Inoltre affermate che il seno mi è scappato dal reggiseno come un ladro in fuga

Come fate a sapere che non stava tentando di prendere un po’ del vostro RARO sole inglese? 

Caro daily mail,

È così triste quello che fate voi tabloid,

Il vostro sforzo per svilire l’immagine delle donne rovina tutta la nostra specie umana.

Ma un fogliaccio è un fogliaccio e lungi da me andare in giro a censurare qualcuno!

OH NO…! sento che adesso tutto il corpo mi sta scappando dal kimono…! 

Caro daily mail,

Massa di deficienti misogini,

Sono stanca di pance ingrassate dalla gravidanza, sbirciatine alla figa, rotoli di carne nei jeans stretti

Dove sono i CAZZI che fanno notizia?

Quando Iggy, Jagger o Bowie vanno in giro in topless non fa notizia

Bla bla bla femminista bla bla bla solite stronzate sul genere bla bla bla

Oh mio dio! Un capezzolo!

Caro daily mail,

Non farete mai nessun articolo su questa serata,

Lo so, perché vi ho chiamato in causa direttamente e ora per voi non ci sarà più gusto ad attaccarmi

Ma grazie ad internet la gente in tutto il mondo può godersi questo discorso

In sintonia con un gruppo di spettatori qui a Londra che non si bevono la propaganda come la vostra

Anche se ci sono milioni di persone che accettano il divieto culturale come lo ponete voi

Ce ne sono moltissime altre che sono perfettamente disposte a vedere i seni nel loro habitat naturale

Resto in trepidante attesa dei vostri colti servizi giornalistici sulle prossime date del tour

Caro daily mail,

fottiti.

Qui il testo inglese nel blog di Amanda.

1044814_10151473243361150_635254588_n

[Amanda Palmer, Roundhouse London, 12/07/2013]

Imagine: Amanda Palmer alla Roundhouse, Londra. Gus Stewart/Redferns via Getty Images. Fonte: The Guardian