Charlie Hebdo e l’ipocrisia delle matite

Standard

[Traduzione dal giornale australiano ‘Redflag’ – Newspaper of Socialist Alternative]

pencils

E’ stato Mark Knight, vignettista dell’Herald Sun, la goccia che per me ha fatto traboccare il vaso.

A dire il vero, Knight non ha tutta la colpa. Se non fosse stato per tutta la psicosi che l’ha preceduto, avrei probabilmente liquidato la sua vignetta come l’ennesima bruttura dell’Herald Sun: l’avrei vista più come una prova dell’assurdità di Murdoch, su cui fare dell’ironia, che non come la causa scatenante della mia indignazione. Ma il contesto è tutto. Dopo giorni di ciarle ipocrite sulla libertà di parola e gli illuministici valori della civiltà occidentale, la sua vignetta è stata “quella di troppo” sulla “guerra delle matite”.

La vignetta in questione rappresenta due uomini, terroristi Arabi, mascherati e armati (c’è qualche altro tipo di Arabo?) sotto una grandine di oggetti simili a bombe che piovono sulle loro teste. Solo che le bombe non sono bombe. Sono biro, penne e matite. Capito? Di fronte all’ideologia medioevale che capisce solo il linguaggio delle armi, l’Occidente – l’eroico Occidente ispirato dall’Illuminismo – risponde riaffermando il suo impegno a resistere alla barbarie con le armi delle idee e della libertà d’espressione.

E’ un racconto esaltante, ripetuto ad nauseam nei giornali di tutto il mondo: tutti pieni di descrizioni di matite spezzate, ri-temperate per combattere ancora, o di editoriali che proclamano che sconfiggeremo il terrorismo rifiutandoci di smettere di fare satira sull’Islam.

E’ arrivato il momento di dire che queste sono idiozie. La vignetta di Knight rende la cosa estremamente chiara, ma ogni immagine che ha richiamato l’idea che la cultura occidentale potrebbe e vorrebbe difendere sé stessa dall’estremismo islamico conducendo una battaglia di idee ha svelato la stessa amnesia storica e politica.

La realtà non potrebbe essere più lontana da questa ridicola storia.

Negli ultimi quindici anni, gli Stati Uniti, sostenuti a vario livello dai governi di altri stati occidentali, hanno fatto piovere violenza e distruzione sul mondo arabo e musulmano, con una ferocia che ha pochi paragoni nella storia della guerra moderna.

Non sono state penne e matite – men che mai le idee – a devastare l’Iraq, Gaza e l’Afghanistan e causare centinaia di migliaia di morti. Non dodici. Centinaia di migliaia. Ognun* con storie, vite, famiglie. Dieci milioni di esseri umani che hanno perso amici, parenti, case e hanno visto il loro paese lacerato.

Per le vittime dell’occupazione militare. Per la gente rintanata nelle case a sopportare l’oppressione dei bombardamenti sull’Iraq con la tecnica dello “shock and awe” (colpisci e terrorizza). Per chi ha avuto il corpo sfigurato dal fosforo bianco e dall’uranio impoverito. Per i genitori di chi è scomparso nelle celle di tortura di Abu Ghraib. Per tutti costoro, che cos’è, se non una crudele beffa, l’affermazione che la civiltà occidentale combatte le sue guerre con la penna e non con la spada?

E questo, per parlare solo delle atrocità più recenti. Non consideriamo nemmeno il secolo e più di politiche coloniali dell’Occidente che, col ferro e col sangue, ha consegnato la popolazione del mondo arabo (salvo rare eccezioni) alla povertà e alla disperazione.

Per non parlare del brutale regime del colonialismo francese in Algeria e la sua prontezza nell’assassinare centinaia di migliaia di algerini e persino centinaia di cittadini franco-algerini, nel tentativo di conservare i resti dell’Impero. Lasciamo da parte l’incessante povertà, la ghettizzazione e la persecuzione sopportata dalla popolazione musulmana di Francia, che è principalmente di origine algerina.

La storia del rapporto dell’Occidente con il mondo musulmano – una storia di colonialismo e imperialismo, di occupazione, soggiogazione e guerra – grida la sua protesta contro la bizzarra idea che i “valori occidentali” implichino il rifiuto della violenza e del terrore come strumenti politici.

Certo, anche la penna ha avuto il suo ruolo. Le penne che firmarono gli infiniti Patriot Acts, le leggi antiterrorismo e le altre misure legislative che hanno rafforzato la capacità vessatoria della polizia e limitato i diritti civili. Le penne di editorialisti che diffondono isteria, giorno dopo giorno, rafforzando il pregiudizio anti-musulmano e trasformando le persone in stranieri nel loro stesso paese. Però le penne dei giornalisti sono state forti non in virtù della loro intelligenza o ragionevolezza, ma nella misura in cui sono state al servizio dei potenti e delle loro armi.

Se si guarda questo contesto, non solo si svela l’ipocrisia di coloro che creano il mito di un Occidente illuminato che difende la libertà di parola, ma si arriva anche alla prevedibile e inevitabile conseguenza della risposta attraverso tremendi atti di terrorismo. Certo non sapremo mai cosa passasse per la mente dei tre uomini che hanno commesso queste ultime atrocità. Ma è il massimo dell’ipocrisia astorica ignorare il contesto – sia recente che sul lungo periodo – in cui questi attacchi hanno avuto luogo.

L’idea che l’indignazione dei musulmani di fronte alle spregevoli raffigurazioni delle loro icone religiose possa essere considerata separatamente dalla persecuzione subita in Occidente e dall’invasione e occupazione dei Paesi islamici è frutto di una completa incapacità di immedesimarsi nell’esperienza di sistematica e continua oppressione che è stata vissuta.

Ciò che è straordinario, se si considera anche solo superficialmente la storia recente, non è che questo terribile episodio sia avvenuto, ma piuttosto che eventi simili non capitino più spesso. Che sia solo un’esigua minoranza che ricorre a tali atti, a fronte di infinite provocazioni, è una grande prova del tollerante umanesimo della popolazione musulmana nel mondo.

Nei prossimi giorni, un ormai stanco ed estenuante teatro dell’assurdo continuerà a recitare i suoi inevitabili atti. I politici occidentali che incarcerano i propri dissidenti e controllano ogni movimento dei loro cittadini si abbandoneranno a voli pindarici sulla libertà di pensiero. I leader musulmani di ogni posizione continueranno a denunciare un terrorismo con cui non hanno nulla a che fare e a loro volta verranno denunciati per non averlo fatto abbastanza spesso o con abbastanza forza. La destra attaccherà la sinistra in quanto simpatizzante del terrorismo islamico ed esigerà che ripetiamo all’infinito l’ovvia verità che i giornalisti non devono essere uccisi per aver espresso le proprie opinioni. Esigerà anche di accettare l’idea che i bianchi occidentali, e non i musulmani, sono le vere vittime di quest’ultimo dramma politico.

Intanto, se i musulmani in Occidente avranno il coraggio di camminare per le strade, lo faranno con la paura di inevitabili rappresaglie. E non sono le matite, ciò di cui avranno paura.

 

Annunci

Un pensiero su “Charlie Hebdo e l’ipocrisia delle matite

I commenti sono chiusi.